Selenio Metionina e regolazione enzimatica della Tiroide

Selenio Metionina
Condividi

Il Selenio-metionina è un minerale traccia, presente nel nostro organismo in quantità limitatissime, ma è tuttavia essenziale per molteplici funzioni. Uno dei maggiori ruoli che riveste il selenio è la difesa delle cellule dai radicali liberi: essendo, infatti, un potente antiossidante, ritarda l’invecchiamento dei tessuti e contrastando la degenerazione del DNA che è spesso “starter” di degenerazioni cellulari in direzione neoplastica.

L’ azione del Selenio risulta inoltre maggiormente potenziata se è presente contemporaneamente la anche la metionina e vitamina E. Inoltre il selenio gioca un ruolo importantissimo per la ghiandola tiroidea, in quanto questo minerale è un  selenio-enzima che permette grazie alla 5′ desiodasi la conversione degli ormoni della tiroide da T4 in T3..

Inoltre è un costituente fondamentale della glutatione-perossidasi, un altro selenio-enzima, con  azione anti radicalica nei confronti degli idroperossidi, sostanze tossiche per il metabolismo cellulare del sistema mitocondriale.
La glutatione perossidasi catalizza la reazione di detossificazione dal perossido d’idrogeno: H2O2 + H2 > 2 H2O. Il selenio-metionina, quindi, per la sua azione antiossidante e anti radicalica, comportandosi quindi come sostanza ad azione antinfiammatoria.

Ne consegue che ogni situazione patologica o parafisiologica che comporta un aumento dello stress ossidativo e/o della flogosi, può trarre beneficio dalla somministrazione di selenio-metionina.

E’ bene anche fare una differenza tra selenio e selenio-metionina, infatti quest’ultimo rimane in circolo più a lungo nel circolo sanguigno mantenendo quindi più prolungata la sua efficacia e non contenendo lieviti come molti integratori vitaminici al selenio provenienti da lievito di birra  che possono invece sviluppare, proliferazioni di micosi intestinali.

Studi che confermano l’azione positiva del selenio come antiossidante, antinfiammatorio e anti radicali liberi:
– In uno studio randomizzato in doppio cieco, su un gruppo di pazienti con artrite reumatoide, la supplementazione di 200 mcg di selenio per 3 mesi, ha significativamente ridotto il dolore e migliorato la funzionalità articolare.

– In un altro studio, con un numero ridotto di pazienti con pancreatite acuta, la somministrazione endovenosa di selenite di sodio ed altri antiossidanti ha ridotto la mortalità dell’89% in confronto ai controlli non trattati.

– Anche nell’asma, la somministrazione di selenio alla dose di 100 mcg/die, ha dimostrato di avere effetti benefici, mentre ridotti livelli sierici di selenio erano associati ad un significativo aumento della frequenza di asma nei bambini

Integratore Vitaminico cabe34
Per garantire il giusto apporto di selenio-metionina vitamina C, vitamina A, vitamina E e vitamine del gruppo B è consigliato un uso quotidiano da una due capsule al giorno dell’ integratore vitaminico cabe34, che apporta i valori nutritivi di riferimento giornalieri in vitamine e antiossidanti e il 50% del VNR in selenio-metionina.

Condividi

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici e di navigazione per migliorare l'esperienza di navigazione.