Curcumina e Tumore: azione antinfiammatoria per la riduzione della genesi del tumore

Condividi

Ha un colore brillante e un tipico sapore pungente e i pregi di questa spezia orientale sono molteplici: può far bene contro diabete, colesterolo alto, obesità e ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Stando ad alcune ricerche scientifiche è probabile che abbia un’azione di rallentamento nei confronti dei tumore.
La curcuma è una pianta che ha molte specie diverse, la più utilizzata anche in fitoterapia è la Curcuma Longa, nello specifico la curcuma appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae (Ginger) che comprende piante provviste di rizoma, per approfondire le proprietà della Curcuma vi rimandiamo all’articolo precedente.

I principali costituenti della curcuma sono i curcuminoidi (3-5%), cioè miscele di derivati del cinnamoilmetano, come la curcumina che viene isolata dalle radici della Curcuma Longa e rientra tra i prodotti nutraceutici.  La Nutraceutica è un neologismo coniato nel 1989 dal Dr. Stephen De Felice dall’unione dei termini “Nutrizione” e “Farmaceutica” e indica la disciplina che studia “i componenti alimentari o i principi attivi presenti negli alimenti che hanno effetti positivi per il benessere e la salute, ivi inclusi la prevenzione ed il trattamento delle malattie”.

Quanto alle sue proprietà salutari e fitoterapiche, sono state indagate quando alcuni ricercatori si sono accorti di una diversa incidenza di alcune malattie nelle zone di consumo abituale delle spezie, in particolare per quanto rigurda le infiammazioni cellulari neoplastica. Nel 1995 il Prof. Bharat B Aggarwal Direttore del Dipartimento di Terapia Sperimentale del Centro Oncologico M.D. Anderson di Houston (Università del Texas) iniziò a studiare la curcuma e le sue potenzialità terapeutiche in campo oncologico.

Numerose evidenze hanno dimosrato che la curcumina ha effetti antitumorali a basse dosi. Questi effetti sono mediati attraverso la regolazione di numerose cascate biochimiche, inclusi fattori di trascrizione, fattori di crescita, citochine infiammatorie, protein-chinasi ed altri enzimi. [Ajaikumar B. et al. Cancer Letters 2008. Curcumin inhibits proliferation, invasion, angiogenesis and metastasis of different cancers through interaction with multiple cell signaling proteins.]

Ad avvalorare questi studi ci sarebbero anche esperienze sugli uomini hanno evidenziato un calo  di zuccheri nel sangue in soggetti diabetici, un aumento del colesterolo HDL, cosiddetto colesterolo buono, a scapito di quello LDL “cattivo” e in persone  con aterosclerosi una diminuzione dei livelli di fibrinogeno nel sangue, con conseguente minor rischio di trombi.

Integratori alimentari consigliati

Faim Integratore Alimentare
L’integratore Faim è una formulazione fitoterapica composta da un insieme di piante medicinali come Curcuma Curcuma Longa, Cannella Cinnamomum Zeylanicum Blume e Banaba o Melone Amaro, Momordica Charantia che insieme alla Gymnema Sylvestre ed uno stile di vita attivo, e una dieta variata possono essere utili per coadiuvare il fisiologico controllo dei carboidrati e lipidi e senso della fame.

In particolare l’integratore Faim agisce sui recettori Adrb2, gene correlato all’ipertensione arteriosa, coadiuvando il fisiologico controllo dei lipidi.
Foie Integratore Alimentare
L’integratore Foie è una formulazione fitoterapica composta da un insieme di piante medicinali come il Cardo Mariano Silybum marianum, Fumaria Fumaria Officinalis, Berberis, Curcuma Curcuma Longa, Patata Solanum tuberosus, Spaccapietra Phyllanthus niruri.

In particolare l’integratore Foie fornisce un aiuto per favorire l’azione digestiva, epatica e depurativa dell’organismo.

 

Condividi

Lascia un commento

Questo sito utilizza cookie tecnici e di navigazione per migliorare l'esperienza di navigazione.